Il Servizio di Assistenza Domiciliare a favore delle persone anziane o delle persone con disabilità è attivo nei Comuni del distretto VT4 dal mese di settembre dell’anno 2003. Dal mese di aprile dell’anno 2009 è stata rinnovata, nell’ambito dei 13 Comuni del Distretto VT4 la procedura operativa che permette in modo più snello e veloce l’attivazione degli interventi di assistenza presso il proprio domicilio. La richiesta va inoltrata al Servizio Sociale Comunale per mezzo apposito modulo rilasciato dal servizio sociale stesso, dove il cittadino-richiedente avrà cura di indicare la motivazione dell’intervento, le ore settimanali presunte ed un proprio recapito telefonico. L’Assistente Sociale del Comune di residenza del richiedente provvederà a contattare il richiedente fissandogli un appuntamento per una visita domiciliare. La stessa verificherà le condizioni sociali, sanitarie ed economiche, autorizzando con il rilascio di un buono servizio, l’acquisto di interventi assistenziali presso fornitori accreditati. Il “buono di servizio” è lo strumento attraverso il quale il Comune riconosce la necessità di intervento assistenziale personalizzato e si impegna con il cittadino-utente autorizzato, a sostenere una parte dell’onere finanziario (determinato in base al reddito calcolato ai fini ISEE), in caso di effettiva fruizione dell’intervento stesso.
I beneficiari dei buoni, previa acquisizione di un Progetto Assistenziale Individuale (PAI) personalizzato e concordato con il Servizio Sociale Comunale si devono rivolgere, con propria autonoma scelta, ad uno dei fornitori fra quelli legittimati ed iscritti all’Albo, per concordare e sottoscrivere il contratto concernente la fruizione degli interventi che concretizzano il progetto assistenziale.
Il “buono di servizio” ha una durata massima di un anno ed è rinnovabile qualora il progetto assistenziale e gli interventi programmati siano formalmente confermati dall’Assistente Sociale. La durata temporale di validità del “buono” è funzionale a garantire massima flessibilità del progetto assistenziale ed a consentire una continua verifica delle esigenze dell’utente in tempo reale. Le modifiche del progetto assistenziale e/o degli interventi/servizi, verranno esplicitate tramite una variazione formale del “buono di servizio”.
L’Assistente Sociale assegna il “buono di servizio”, sino alla concorrenza delle ore di assistenza domiciliare previste, tenendo in considerazione da un lato l’emergenza assistenziale dell’utente e dall’altro la sua situazione economica. Il cittadino-utente provvede mensilmente al pagamento delle ore dell’assistenza domiciliare autorizzate dal “buono di servizio” corrispondendo direttamente al fornitore la sola quota parte di spesa a proprio carico. Il cittadino/utente delega il Distretto VT 4 a corrispondere direttamente al fornitore l’importo a proprio carico come quantificato nel Buono di Servizio. Le tariffe orarie attualmente in vigore nei 13 Comuni del Distretto VT4 ( Barbarano Romano, Bassano Romano, Blera, Capranica, Caprarola, Carbognano, Monterosi, Oriolo Romano, Ronciglione, Sutri, Vejano, Villa San Giovanni in Tuscia e Vetralla) a carico del cittadino utente sono calcolate in base allo strumento ISEE e sono:
€ 4,11 /ora esclusa iva al 5% con ISEE fino a € 7.800,00;
€ 5,33/ora esclusa iva al 5% con ISEE fino a € 12.000;
€ 6,39/ora esclusa iva al 5%con ISEE fino a € 22.000.

€ 15,24/ora esclusa iva al 5% con ISEE  superiore a € 22.000.

Di seguito si può scaricare la documentazione e la modulistica ANNO 2017 necessaria per richiedere il servizio di assistenza domiciliare e le nuove tariffe orarie  in base alla fascia ISEE di appartenenza a decorrere del 01-02-2017 rif. Deliberazione di G.C n. 311 del 29-12-2016

modulo richiesta assistenza domiciliare
Nuove Tariffe di compartecipazione Assistenza Domiciliare
Buono Servizio Assistenza Domiciliare e tariffe orarie in base all’ISEE

Progetto Home Care Premium  2019 INPS

Buono di servizio prestazioni Integrative HCP 2019

Buono Servizio HCP 2019